Cinquefrondi:le radici e le foglie nuove

Borgo Futuro 2.0 - 9 e 10 agosto 2017 - Cinquefrondi

Il Frantoio delle Ideeinsieme allo Sprar Recosol Cinquefrondi - RCcon la collaborazione della Cooperativa Sankara, di Re.Co.Sol - Rete dei Comuni Solidali., del Mammalucco Associazione Multiculturalee con il patrocinio dell' Amministrazione Comunale Cinquefrondi presenta 

BORGO FUTURO 2.0
Le radici e le foglie nuove

9/10 Agosto 

Centro Storico - Cinquefrondi

Siamo felici di annunciare il proseguimento di un percorso iniziato anni fa da "Rinascita per" avviando una seconda fase, ecco perché Borgo Futuro 2.0, con l'intento di trasformare l'attenzione sul centro storico suscitata in questi anni, in una progettualità di rigenerazione urbana. Siamo convinti che sia giunta l'ora di porre in essere i meccanisminecessari per la riqualificazione urbana del centro storico di Cinquefrondi. Per tali motivi abbiamo voluto energicamente la presenza delle competenze del Comune di Cinquefrondi insieme ad alcune personalità di rilievo in tal settore anche di livello nazionale per avviare un vero processo che possa portare ad un radicale cambiamento del centro storico: da problema a risorsa!
In questo percorso che dovrebbe far nascere residenzialità low cost per gli autoctoni abbiamo rivolto uno sguardo alle problematiche dell'accoglienza, per tal motivo condivideremo questo percorso con lo Sprar di Cinquefrondi, cosciente che "le foglie nuove" possano essere anche coloro che arrivano da altre parti del mondo. Pensando infine alla possibilità di costruire dei percorsi economici che possano portare alla nascita di piccole botteghe artigianali e a spazi adibiti ad un turismo sostenibile e responsabile.

Per tutte queste ragioni ci vedremo il 9 e 10 nel centro storico di Cinquefrondi in un percorso itinerante fatto di approfondimenti, riflessioni, socialità, musica, cultura e convivialità.

Infine, ma non ultimo, vorremmo dedicare questa due giorni, che avvierà una progettualità di lungo termine, a Renato Macedonio che ci ha sempre sostenuti e che sicuramente sarà felice di sapere che i suoi sogni continuano ad avere gambe e braccia per riuscire a far nascere le "foglie nuove" capaci di far rivivere il centro storico. A Renato Macedonio, nostro amico e sognatore di una rivalutazione dei borghi antichi!!!

Ecco il programma:

9 Agosto

Ore 9.30 Largo del Tocco
“Le escursioni di Grazia” 
Partenza dal centro storico fino ai ruderi del convento di Sant'Elia nell'antico percorso che collega Cinquefrondi a San Giorgio Morgeto

Ore 10.00 -12.00 Frantoio delle Idee 
Seminario sul recupero del patrimonio urbano 
a cura di Alberto Ziparo e Teresa Alvaro

Ore 18.00 – Via Vittoria
Fiera delle Idee -Fiera dei prodotti biologici e delle creazioni artigianali

Ore 19.00 e 21.30 – P.zza Quadrilatero
“ Oliv'you” di e con Héloїse Semler-Collery e Paolo Danesi 
Spettacolo di circo e teatro di strada adatto a tutti i tipi di pubblico

Ore 21.00 Largo del Tocco
Discussione “L'abbandono dei centri storici: da problema a risorsa”
Modera:
Marina Rizzo – Membro Direttivo Il Frantoio delle Idee
Intervengono:
Teresa Alvaro – Bioarchitetto/Componente Associazioni Insieme per la tutela dei centri storici “Prima che tutto crolli”
Maurizio Carlino – Architetto/Responsabile Ufficio Tecnico Comune di Cinquefrondi
Giacomo Lombardo – Sindaco di Ostana (CN)
Giuseppe Longo – Vicesindaco con delega urbanistica e lavori pubblici
Alberto Ziparo – Docente di Tecnica e Pianificazione Urbanistica Università di Firenze


Ore 22.00 Scalinata Largo del Tocco
“Il nostro avvenire è dietro le spalle” - incontro di antropologia musicale, di narrazione, di musica di tradizione orale con Angelo Colosi, Michele Franco, Elena Gallo, Salvatore Marchetta,Valentino Santagati e Giovanni Zappia 

Ore 23.00 Arretu li Mura
Live Behind The Walls
Other Voices in concerto
Presentazione new album



10 Agosto

Esibizione per le vie del centro storico della Street Band “The Free Band”

Ore 18.00 Largo del Tocco
Laboratorio per bambini “Emozione, colore e movimento” a cura dell'attriceDaniela D'agostino accompagnata dalla pittrice Luisa Malaspina

Ore 18.00 – Via Vittoria 
Fiera delle Idee – Fiera dei prodotti biologici e delle creazioni artigianali

Ore 19.00 P.zza Quadrilatero
“Oliv'you” di e con Héloїse Semler-Collery e Paolo Danesi 
Spettacolo di circo e teatro di strada adatto a tutti i tipi di pubblico

Verso il tramonto – Arretu li mura
Installazione Stone Balancing dell'artista Saro Tropea

Ore 20.30 – Arretu li mura
Discussione “Accoglienza: una sfida assolutamente da vincere”
Modera:
Michele Albanese – Giornalista Espresso
Intervengono:
Anna Aspesi – Portavoce Coordinamento Sprar “Agorà” Provincia Rc 
Michele Conia – Sindaco di Cinquefrondi
Davide Grilletto – Presidente Arci Comitato Territoriale Reggio Calabria
Domenico Lucano – Sindaco Riace
Giovanni Maiolo – Membro Coordinamento Re.Co.Sol.
Enza Papa – Rappresentante Servizio Centrale Sprar 
Luca Ritorto – Assessore con delega alle politiche migratorie Comune Gioiosa Jonica
Testimonianze dei beneficiari dello Sprar di Cinquefrondi e Gioiosa Jonica

Ore 21.30 – Arretu li mura
Cena dell' e/migrante
Cena tradizionale a base di carne di capra

Ore 22.00 – Arretu li mura
The Free Band in concerto 


All'interno:
Largo del Tocco
Mostra fotografica “Viaggio tra i borghi silenziosi della Calabria” di Nadia Lucisano

P.zza Quadrilatero 
Mostra fotografica “Al di qua del mare” di Elisa Polly Stranieri

Scalinata Largo del Tocco
Installazione video “Perché mi hai abbandonato?” a cura de “Il Frantoio delle Idee”



Centro Storico – Cinquefrondi (R.C.)

Vi aspettiamo numerosissimi!!!


Privacy

go site Informativa sulla Privacy per il Sito Web (art. 13 D.lgs. 196/03)

Nella presente pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Si tratta dell’informativa resa ai densi dell’art 13 del D.lgs n° 196/2006 – Codice in materia di protezione dei dati personali - a coloro che interagiscono con i servizi web del sito go to link BORGOFUTURO.IT, accessibili per via telematica a partire dagli indirizzi: http://www.borgofuturo.it
L’informativa è resa solo per il presente sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.
Visitando il sito web sopra indicato si accettano implicitamente le prassi descritte nella presente Informativa sulla Privacy.
 
IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO
A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.
Il Titolare del trattamento è : go here "Alberto Conia - writing a formal essay Associazione Rinascita per Cinquefrondi - Cinquefrondi (RC)".
 
source LUOGO DI TRATTAMENTO
I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico dell’Ufficio incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.
I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta.
TIPI DI DATI TRATTATI
Dati di navigazione I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali, la cui trasmissione è implicita nell’uso di protocolli di comunicazione internet.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per la loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare l’utente.
In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste , l’orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine , errore, etcc..) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l’elaborazione.
I dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito.
 
enter site Dati forniti volontariamente dall’utente
L’invio facoltativo, esplicito e volontario delle informazioni personali necessarie alla registrazione al sito per l'utilizzo dei servizi o per il ricevimento della Newsletter, nonchè l'invio di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte al contatto o a particolari servizi a richiesta.
 
Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito.
Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.
L’Uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitanoil ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente.
 
Facoltatività del conferimento di dati
A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l’utente è libero di fornire i dati personali riportati nei moduli di richiesta (es. iscrizione newsletter) o comunque indicati nella sezione “contatti”, per sollecitare l’invio di informazioni.
Il loro mancato conferimento può comportare l’impossibilità di ottenere quanto richiesto.
 
Modalità del trattamento
I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
 
Diritti degli interessati
I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione ed il blocco (si veda per completezza l’art. 7 del D.lgs 196/2003). Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di richiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso , per motivi legittimi, al loro trattamento. Le richieste verranno rivolte al titolare del trattamento: "Alberto Conia - Associazione Rinascita per Cinquefrondi - Cinquefrondi (RC)".
 
La presente costituisce la Privacy Policy di questo sito che sarà soggetta ad aggiornamento periodico.

Il documento

IL DOCUMENTO CHE ISPIRA IL LABORATORIO BORGO FUTURO: CINQUEFRONDI TRA RADICI E FOGLIE NUOVE

Di seguito il documento che ispira il laboratorio-progetto BORGO FUTURO: Cinquefrondi tra radici e foglie nuove. Per presentare questo progetto e per chiedere la collaborazione a tutte e tutti saremo domenica 26 Maggio a Largo del Tocco e sabato 25 Maggio puliremo tutta la zona di arretu li mura.

Queste sono le premesse....ora ognuno di voi ci metta qualcosa (cuore, passione, idee, braccia, competenze etc.)

Presto comunicheremo anche il calendario di iniziative culturali che si terranno nel centro storico del paese da maggio a luglio.

 

Cinquefrondi: le radici e le foglie nuove

 

Leradici e le foglie nuove. Cinquefrondi e il centro storico.

Circaun anno fa, nell’ambito della manifestazione “Oltre laRassegnAzione” siamo stati nel centro storico, nel quartierechiamato “Arretu li mura” e a Largo del Tocco. Abbiamo trovatonel quartiere cumuli di rifiuti, case abbandonate, enormi rovi, edesolazione. Prima che si svolgesse la tappa della rassegna “Arretuli mura”, attraverso l’impegno dei volontari, abbiamo provato aripulire il quartiere da sterpaglie e rifiuti.

Largodel Tocco è, invece, la porta storica del paese. Proprio duranteun’altra tappa della rassegna, svoltasi nella storica piazzetta, ilsig. Renato Macedonio ha voluto presentare una petizione popolare perdenunciare lo stato di abbandono del centro storico dovuto allapresenza di numerosi depositi di immondizia che producono pessimecondizioni igienico-sanitarie e allo stato di pericolo legato allamancata manutenzione del quartiere. L’associazione Rinascita perCinquefrondi ha, immediatamente, sottoscritto l’appello. Camminarein quel quartiere, vivere e ascoltare i residenti, pensare la storia,le radici di Cinquefrondi, ci ha portati a pensare che si possanocreare le condizioni per far nascere nel centro storico foglie nuove,nuove idee di recupero e di riciclo, di ripristino delle condizionidi vivibilità; abbiamo subito, infatti, pensato che possa nascere unlaboratorio che provasse ad elaborare un progetto che parta da unostudio preliminare volto al recupero della scalinata e del vecchiopercorso che collega il centro abitato con il cimitero comunale. Immaginando, inoltre, che la scalinata principale possa prestarsi adessere utilizzata tanto come percorso che come palcoscenico naturaleper lo svolgimento di rassegne teatrali, musicali o per altreesigenze di comunicazione artistica. L’idea ha riscontrato unrilevante interesse tra gli associati tanto da iniziare acoinvolgere, sempre sul piano volontario, anche qualcheprofessionista del luogo che da subito si è adoperato per un primostudio preliminare di fattibilità.

L’intentodi Rinascita per Cinquefrondi parte da un assunto metodologico:vivere con la collettività dentro i quartieri e le periferie eassieme ai cittadini residenti analizzare e capire le priorità e leesigenze che tante volte necessitano di risorse, ma spesso anche diregole da scrivere insieme perché siano vissute e non subite, comespesso, troppo spesso, accade; attraverso nuovi e moderni strumentidi partecipazione per individuare priorità e necessità su cuiinvestire le risorse comuni e con essi valutare preventivamente ideee progetti meritori di sostegno non di maggioranze amministrative, madell’intera collettività.

Pensare“Borgo Futuro” è pensare a tre possibili finalità di caratterepolitico, economico e culturale.

 

Politico:

Dopo il boom degliultimi 30-40 anni di sviluppo edilizio che ha partorito larealizzazione di nuovi quartieri dove non si contano gli errori tantodi mancata programmazione che di corretto utilizzo proporzionale deimetri cubi edificati soprattutto per quelli destinati a nuovaresidenza assistiamo, infatti, oggi – alla luce della nuovafiscalità delle unità immobiliari adibite a residenza, ma anchealle nuove imposte e ai tributi sulla casa (prima ICI ora IMU,spazzatura, ecc..) e al forte aumento dell’energia da riscaldamentoe illuminazione – ad un esponenziale aumento del costo dimantenimento che spesso mette in forte difficoltà intere famiglie;se a questo si aggiunge la trasformazione dei nuclei familiari cheoggi raramente superano i quattro componenti(padre, madre e duefigli) ne emerge in tutta evidenza il forte sovradimensionamento.

Altroaspetto, che non può essere trascurato, è lo sviluppo edilizio cheè avvenuto in assenza di strumenti urbanistici adeguati e che hatraslato le residenze dei cittadini verso nuove costruzioni a frontedi un inesistente aumento demografico.

Ilcontinuo spopolamento del centro storico con il suo naturaleprogressivo deterioramento e l’inutile o quantomeno discutibileutilizzo di interi pezzi di territorio agricolo è oggi motivo diriflessioni scientifiche e filosofiche da parte di numerosi studiosiche si interessano di fenomeni ambientali e che dallo studio delfenomeno ne deducono la necessaria quanto disperata inversione dimarcia.

Afronte di tutto ciò vi è ancora chi crede che un nuovo strumentourbanistico, strumento di programmazione certamente necessario edurgente 30-40 anni fa per evitare lo scempio attuale, possarappresentare oggi lo strumento per l’ennesimo boom edilizio.

Sulpiano politico, l’avvio di questo intervento, vuole riportare alcentro della discussione la necessità di rivalutare il centrostorico alla luce delle nuove e moderne esigenze abitative conl’obiettivo di dare risposte ad una società invecchiata e semprepiù alienata, ai tanti cittadini che vivono da soli o senza figli, acoloro che non hanno la capacità economica per acquistare ocostruire la propria abitazione nei nuovi quartieri, ai cittadiniimmigrati che già vivono nel centro storico magari in condizioniindecenti. Ripensare gli spazi significa evitare speculazioni eennesime colate di cemento.

 

Economico:

Studiarecome la situazione di degrado attuale del centro storico possaviceversa costituire forte elemento di sviluppo attraverso latrasformazione degli immobili fatiscenti del centro in piccolimonolocali o bilocali, moderni e confortevoli e soprattutto economicie popolari stimolando gli investimenti privati e rivalutando anche intermini di valore ciò che oggi rappresenta un costo ed un peso perla loro pericolosità sulle spalle del Comune.

 

Culturale:

Sulpiano culturale l’avvio del processo vuole riportare alla vita queiluoghi comuni, fonte di ricordi per numerosissimi cittadini che lisono nati e cresciuti e che oggi sono sparsi per il mondo, cogliendola predisposizione naturale della scalinata ad essere utilizzata,attraverso interventi di ripristino, a piccolo spazio teatrale o permanifestazioni culturali di vario genere oltre che ripristinare unconveniente e sicuro percorso pedonale, per recarsi al cimitero efare visita ai propri defunti. Cinquefrondi, vuole un luogo in cui siidentifichi storicamente e il centro storico è uno dei quartiere chemeglio può prestarsi a tale esigenza.

 

Perriuscire a portare a termine questa prima fase del laboratorio cisiamo posti tutta una serie di interrogativi. Interrogativi dicarattere tecnico, organizzativo, filosofico e metodologico.

 

Sulpiano squisitamente tecnico si tratta di:

1)Mettere in sicurezza la scalinata attraverso l’eliminazione dellesituazioni di pericolo di crollo dei fabbricati che la fiancheggiano;

2)Transennare in modo stabile l’accesso nelle stradine interne luogodi rilevanti pericoli di crollo;

3)Regimentare il deflusso delle acque piovane attraverso larealizzazione di scarichi sotterranei;

4)Predisporre impianto di pubblica illuminazione lungo tutto ilpercorso fino al cimitero;

5)Rivestire la scalinata con materiali del luogo;

6)Ampliare lo spazio a valle della scalinata da destinare a piccolopalcoscenico;

7)Sistemare lungo tutto il percorso fino al cimitero caratteristiciposti a sedere da utilizzare come sosta;

8)Studiare ringhiera di sostegno lungo tutto il percorso per facilitarela percorrenza alle persone anziane.

 

Sulpiano organizzativo:

Pensiamoche l’intervento potrà svolgersi attingendo a sponsorizzazioni peril reperimento di fondi, dei materiali e delle maestranze necessarie;

Vorremmoraggiungere attraverso i moderni canali di comunicazione quei nostriconcittadini che in quei luoghi sono nati e cresciuti e che oravivono in giro per il mondo;

Illaboratorio dovrebbe far nascere un gruppo di esperti capaci disvolgere il compito di rintracciare i proprietari degli immobilifatiscenti ricadenti nell’area interessata per presentare ilprogetto, aprire con loro i primi contatti e sondare i possibiliinteressi;

 

Ungruppo di esperti potrebbe essere incaricato di organizzare convegnisu tematiche riguardanti per esempio:

-Diritti, doveri e responsabilità dei proprietari di immobilifatiscenti e pericolosi per la pubblica e privata incolumità enormativa di riferimento;

-Compiti del Comune e responsabilità dovute ad inattività o mancatointervento sia sul piano della sicurezza che su quello sanitario;

-Fiscalità agevolata esistente o realizzabile dal Comune per chiristruttura immobili nel centro storico;

-Piano di recupero vigente e possibili modifiche verso lafacilitazione di interventi in questa direzione;

 

Naturalmentela cosa risulta fattibile ma non senza difficoltà, prima fra tutte,la burocrazia.

Infatti,tra le questioni da affrontare se ne elencano alcune:

1)-Come mettere in sicurezza la scalinata dai piccoli ruderi pericolantiche la fiancheggiano;

2)-Come conciliare il lavoro volontario con la normativa sulla sicurezzadel lavoro;

3)-Quali forme per il soggetto e quale figura giuridica dovrà avere perrichiede ed ottenere le autorizzazioni comunali necessarie, cioè,chi presenterà il progetto.

 

Pensiamoche ci siano tanti nodi da sciogliere. Pensiamo che “Borgo Futuro”è un lungo processo di partecipazione e di condivisione capace diriuscire a rispondere a tutti questi quesiti. Capace di ridare alleradici quel compito di ancoramento con la Storia, ma che le foglienuove passano solo dalle nostre storie, dalle nostre scelte. Unlaboratorio prevede scambio, crescita e la volontà di processicapaci di portare al cambiamento. Rinascita per Cinquefrondi vuoleprovare a creare un dialogo con i quartieri nel tentativo di renderenuovamente protagonista la cittadinanza.

Cinquefrondi:è ora che dalle radici rinascano foglie nuove.